Ramin Bahrami (pianoforte
Partnership: Unione Industriale Biella
Concerti fuori abbonamento
Il biglietto per il recital pianistico di Ramin Bahrami del 15 dicembre 2014 è in vendita ad abbonati e non abbonati esclusivamente a partire dal 9 Dicembre 2014

SOLD OUT

You are here : Home / Concerti / Ramin Bahrami (pianoforte
Partnership: Unione Industriale Biella

Concerti fuori abbonamento
Il biglietto per il recital pianistico di Ramin Bahrami del 15 dicembre 2014 è in vendita ad abbonati e non abbonati esclusivamente a partire dal 9 Dicembre 2014

SOLD OUT

Ramin Bahrami (pianoforte
Partnership: Unione Industriale Biella
Concerti fuori abbonamento
Il biglietto per il recital pianistico di Ramin Bahrami del 15 dicembre 2014 è in vendita ad abbonati e non abbonati esclusivamente a partire dal 9 Dicembre 2014

SOLD OUT

Ramin Bahrami piano recital - Bach for Babies - FUORI ABBONAMENTO

Palazzo Gromo Losa, Corso del Piazzo 24, Biella

Auditorium piano terreno

  • Data : 15-12-2014

    Ore : 20:45

  • Intero : 15.00 €

  • Ridotto : 12.00 €

  • Biglietto Ridotto valido solo per under 25, over 65, studenti "Perosi"

Ramin Bahrami (pianoforte
Partnership: Unione Industriale Biella
Concerti fuori abbonamento
Il biglietto per il recital pianistico di Ramin Bahrami del 15 dicembre 2014 è in vendita ad abbonati e non abbonati esclusivamente a partire dal 9 Dicembre 2014

SOLD OUT
Ramin Bahrami (pianoforte
Ramin Bahrami è considerato uno tra i più interessanti interpreti bachiani viventi a livello internazionale. Dopo l’esecuzione dei Concerti di J.S. Bach a Lipsia nel 2009 con la Gewandhausorchester diretta da Riccardo Chailly, la critica tedesca lo considererà: “un mago del suono, un poeta della tastiera… artista straordinario che ha il coraggio di affrontare Bach su una via veramente personale” (Leipziger Volkszeitung). La ricerca interpretativa del pianista iraniano è attualmente rivolta alla monumentale produzione tastieristica di Johann Sebastian Bach, che Bahrami affronta con il rispetto e la sensibilità cosmopolita della quale è intrisa la sua cultura e la sua formazione. Le influenze tedesche, russe, turche e naturalmente persiane che hanno caratterizzato la sua infanzia, gli permettono di accostarsi alla musica di Bach esaltandone il senso di universalità che la caratterizza. Bahrami si è esibito in importanti festival pianistici tra cui “La Roque d’Anthéron”, Festival di Uzés, il festival “Piano aux Jacobins” di Toulose, il Tallin Baroque Music Festival in Estonia e il Beijing Piano Festival in Cina. Nel febbraio 2010 ha debuttato con successo a Parigi con le Variazioni Goldberg, e in marzo ha tenuto un applaudito tour con i Festival Strings Lucerne. E' del maggio 2010 il grande successo con Riccardo Chailly alla Gewandhaus di Lipsia, che completa l’integrale dei Concerti bachiani. Bahrami si è esibito in prestigiose sedi italiane, come il Teatro Comunale di Bologna, il Teatro La Fenice di Venezia, l’Accademia di Santa Cecilia a Roma, dove è apparso nella prestigiosa rassegna “Solo Piano” accanto a Maurizio Pollini, Grigory Sokolov, Daniel Barenboim, Jean-Yves Thibaudet e Evgeny Kissin e dove, nel marzo 2008, è stato invitato a partecipare alla “Maratona Bach” accanto al violoncellista Mario Brunello. E' del giugno 2008 la sua apparizione al Wigmore Hall di Londra, con una grande accoglienza del pubblico, e della primavera 2009 la presentazione dell’Arte della Fuga al Festival Pianistico Internazionale “Arturo Benedetti Michelangeli” di Brescia e Bergamo, di cui è stato protagonista insieme ad altri nomi celebri del pianoforte quali Andràs Schiff, Lang Lang, Angela Hewitt, Grigory Sokolov, Alexander Lonquich. Tra i prossimi impegni di Ramin Bahrami ci saranno le collaborazioni con la Kammerorchester di Stoccarda, i Festival Strings Lucerne, l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai e due importanti incisioni per Decca: i Concerti per 2 e per 3 pianoforti di Bach con Riccardo Chailly e la Gewandhausorchester, e l’integrale delle Suite Inglesi di Bach. Nato a Teheran, Bahrami dopo la rivoluzione politica del suo Paese trova rifugio in Italia, dove può studiare il pianoforte e diplomarsi con Piero Rattalino al Conservatorio “G. Verdi” di Milano. Approfondisce gli studi all’Accademia Pianistica “Incontri col Maestro” di Imola e con Wolfgang Bloser alla Hochschule für Musik di Stoccarda. Si perfeziona con Alexis Weissenberg, Charles Rosen, András Schiff, Robert Levin e in particolare con Rosalyn Tureck, l’artista che più di altri ha contribuito a far conoscere la modernità dell’opera pianistica di Bach attraverso i suoi studi e le sue esecuzioni. Il primo debutto importante avviene nel 1998 al Teatro Bellini di Catania: il successo è tale che la città etnea gli conferisce la cittadinanza onoraria. Da quel momento in poi, si susseguono le esibizioni presso le maggiori istituzioni musicali d’Italia, teatri, stagioni e prestigiosi festival internazionali.

Programma

Musiche di J. S. Bach