La mini-rassegna "Un concerto a colazione", che rientra nella programmazione di Suoni collaterali, porterà per tre domeniche a Palazzo Gromo Losa spettacoli multidisciplinari che uniscono musica, danza, recitazione.


DOMENICA 20 MAGGIO ORE 11.00

Memory: suoni dall'esilio

​Il protagonista della pièce, interpretato da Mario Acampa, è un giovane scrittore di successo. Attraverso un gioco di rimandi alle pagine del diario nero del suo bisnonno, detenuto nel campo di prigionia di Goerlitz durante la Seconda Guerra Mondiale, emergono frammenti di una grande storia d’amore. Il concerto per la “Fine del Tempo” scritto da Olivier Messiaen ed eseguito da lui stesso e da altri tre musicisti detenuti, la notte del 15 gennaio 1941, davanti agli internati dello Stalag VIII-A, diventa il pretesto per un viaggio nella memoria. Voce e musica si fondono con gli evocativi disegni su sabbia realizzati da una Sand Artist, Nadia Ischia.

 

 


DOMENICA 10 GIUGNO ORE 11.00

Bianco come la pece


A 25 anni dalla sua scomparsa, lo spettacolo racconta la vita travagliata di Rudolf Nureyev, ballerino, coreografo, attore e dandy dal fascino incommensurabile.
La sua vita, un mix di talento, ribellione e nostalgia, parte dalle steppe russe fino a New York e viene raccontata in scena da due attori, Mario Acampa e Elisa Lombardi. Mario impersonerà Rudolf in tutte le sue folli e geniali sfaccettature, mentre Elisa sarà di volta in volta tutte le donne più importanti della sua vita: dalla madre a Margot Fonteyn, sua compagna sul palco e nella vita, passando per sarte, maestre e prime ballerine. 
La musica, che contempla brani molto conosciuti della tradizione coreutica internazionale, ed alcuni evocativi della vita privata del grande Nureyev, è il filo conduttore della pièce.


DOMENICA 24 GIUGNO ORE 11.00

Sette note per un mistero

Dopo la messa funebre, parenti e amici si fermarono alle porte di Vienna lasciando che il carro portasse la salma al cimitero. Solo qualche giorno dopo la moglie Costanze Weber si recò al camposanto dove, per una serie incredibile di eventi, nessuno seppe mai indicarle l’esatta sepoltura del marito...
La vita e la controversa storia di Mozart, compositore la cui fine è tuttora avvolta nel mistero.
Gli ultimi momenti della sua esistenza sono raccontati da un punto di vista inedito, gli occhi della moglie.
Un racconto che intreccia storia e medicina, con il coinvolgimento del pubblico tramite musica e narratore.

 

L'ingresso ai concerti è compreso nel biglietto di Selvatica o nella visita al giardino di Palazzo Gromo Losa (2,50 euro)

Brunch: 12,00 euro bevande escluse - su prenotazione (Raggio Verde - tel. 339 5934805)